Eccoci qua, beh, partiamo dall'inizio…sono nata a Rovereto, in Trentino, il 19 maggio del xxxx ...

Lo so, lo so, normalmente la biografia viene scritta in terza persona da chi si occupa delle pubbliche relazioni e suona un pò altisonante ma a me, sincerità per sincerità, quello stile non piace per nulla…voglio che chi mi segue, chi mi ama, chi mi odia (argh, ci sono anche quelli), ed in generale chi mi cerca, conosca la vera Barbara e perciò, carta e penna alla mano, sono qui per voi, pronti?
Eccoci qua, beh, partiamo dall'inizio…sono nata a Rovereto, in Trentino, il 19 maggio del xxxx, sotto il segno del toro, ascendente scorpione. Ok ok, del 1982, trent'anni suonati ma se è vero che gli uomini non invecchiano ma diventano affascinanti spero questo valga anche per me :).
Sulla carta d'identità si legge che ho i capelli castani e gli occhi verdi, ed alla voce "segni particolari" si trovano quattro lineette, il che sta a dire "nessuno", ma in realtà ne ho parecchi di quei segni caratteristici…penso infatti alla mia inguaribile testardaggine, alla mia innata determinazione, alla mia curiosità e….anzi, fermiamoci qui per un istante.
Curiosità appunto, proprio quella che ha fatto pendere l'ago della bilancia verso il liceo linguistico prima, ed il corso di "mediazione linguistica per le imprese e il turismo" all’Università di Lettere di Trento poi, anziché per la facoltà di Giurisprudenza (ma mai dire mai, magari un giorno comincerò a darmi anche ai tomi di diritto, chissà)… Le lingue straniere quindi come percorso formativo anche perché, ritornando a quanto detto sopra, adoro viaggiare, conoscere nuove culture e confrontarmi con mondi lontani, e si sa che capirsi con i segnali di fumo o con i disegni non è poi così consigliabile. Faccio un altro passetto indietro a quando parlavo delle mie caratteristiche, posso assolutamente confermare quanto dicono tutti, ovvero che sono determinata e testarda, e ringrazio Dio per questo, senza questi tratti del mio carattere non credo sarei riuscita a far fronte a tutte le difficoltà che la vita mi ha presentato e men che meno a tenere duro nel mio lavoro, che per quanto bello sia ha anch'esso dei lati direi di "difficile digestione". E poi sono solare, amo stare in mezzo a tanta gente almeno quanto amo stare tra me e me, mi piacciono i piccoli gesti, le piccole cose e le persone vere…ma credo (e spero) che questo lato del mio carattere traspaia in tutte le cose che faccio.
Ho tante passioni, prima tra tutte indubbiamente quella per lo sport, sia praticato che osservato, e soprattutto per le attività a stretto contatto con la natura. Da piccina mi sono avvicinata alla danza artistica e alla pallavolo (che però in entrambi i casi ho abbandonato ben presto), al nuoto che tutt'ora adoro e, strada facendo, ad un sacco di altre discipline sportive come il ciclismo, l'atletica, l'arrampicata, lo snowboard, lo sci nautico e il surf…insomma, quello che si può definire un amore per lo sport a 360 gradi.
Ci sono poi altre passioni come quelle per la buona cucina (adoro cucinare), la musica un pò di tutti i generi, dipende dallo stato d'animo, e la lettura...
Con il passare degli anni tante cose, nel bene e nel male, sono cambiate, ma certe altre fortunatamente sono rimaste invariate; tra queste l'attaccamento alla mia terra, alla mia famiglia, e ai valori che i miei genitori e i miei nonni mi hanno insegnato, a quella voglia di riuscire a realizzare i propri sogni senza ricorrere a delle scorciatoie. Beh, tra le cose belle che non sono cambiate vi è di certo il mio attaccamento alle due ruote; sarà che passavo le giornate in mezzo a tanti cuginetti, sarà che sono convinta che mio padre desiderasse un figlio maschio ed invece sono arrivata io etc etc…sta di fatto che sono cresciuta tra corse di bicicletta, di moto & company e che ancora oggi ad ogni gara del motomondiale, ad ogni classica o grande evento sportivo (se non sono al lavoro) mi ritrovo ancora a saltare sul divano con il mitico Antonio (mio papà) per un allungo, una volata, una derapata o per un colpo di scena…Questo è forse il momento più adeguato allora per completare il quadretto famigliare e presentarvi anche gli altri componenti della famiglia: mia mamma Giovanna, mia sorella Laura ed i miei due "dog-bimbi" Poppy e Pepe.
Racconta racconta, alla fine ho scritto un papiro tanta è la voglia di farvi conoscere qualcosa in più di me…e quindi mi fermo qua…
Un abbraccio a tutti voi e, se vorrete scoprire ancora qualcosina in più su di me, sono certa che tra un evento e l'altro o attraverso i social network non mancheranno di certo le occasioni…
A presto,
Barbara.